V Domenica di Pasqua Anno B – 28 Aprile 2024

PRIMA LETTURA
Dagli atti degli Apostoli  9,26-31

Giunto in Gerusalemme, Saulo cercava di unirsi ai discepoli di Gesù. Tutti avevano paura di lui perché non credevano ancora che si fosse davvero convertito. Ma Bàrnaba lo prese con sè e lo condusse dagli apostoli. Raccontò loro che lungo la via il Signore era apparso a Saulo e gli aveva parlato, e che a Damasco, Saulo aveva predicato senza paura, per la forza che gli dava Gesù. Da allora Saulo potè restare con i credenti di Gerusalemme. Si muoveva liberamente per la città e parlava apertamente nel nome del Signore. Parlava e discuteva anche con gli Ebrei di lingua greca, ma questi cercavano di ucciderlo. I credenti, venuti a conoscenza di questi fatti, condussero Saulo a Cesarèa e di là lo fecero partire per Tarso. La Chiesa allora viveva in pace in tutta la Giudea, la Galilea e la Samarìa. Si consolidava e camminava nell´ubbidienza al Signore e si fortificava con l´aiuto dello Spirito Santo.

SALMO RESPONSORIALE Sal 21

Rit: A te la mia lode, Signore, nella grande assemblea.

Scioglierò i miei voti davanti ai suoi fedeli.
I poveri mangeranno e saranno saziati,
loderanno il Signore quanti lo cercano;
il vostro cuore viva per sempre! Rit.

Ricorderanno e torneranno al Signore
tutti i confini della terra;
davanti a te si prostreranno
tutte le famiglie dei popoli. Rit.

A lui solo si prostreranno
quanti dormono sotto terra,
davanti a lui si curveranno
quanti discendono nella polvere. Rit.

Ma io vivrò per lui,
lo servirà la mia discendenza.
Si parlerà del Signore alla generazione che viene;
annunceranno la sua giustizia;
al popolo che nascerà diranno:
«Ecco l’opera del Signore!». Rit.

SECONDA LETTURA
Dalla  prima lettera di san Giovanni apostolo 3,18-24

Figli miei, vogliamoci bene sul serio, a fatti. Non solo a parole con bei discorsi! Ecco come sapremo che la verità ci ha generati. Allora non avremo più paura davanti a Dio. Anche se il nostro cuore ci condanna. Dio è più grande del nostro cuore. Egli conosce ogni cosa. Se invece, miei cari, il nostro cuore non ci condanna, noi ci possiamo rivolgere a Dio con piena libertà. Da lui riceveremo tutto quello che gli  domandiamo in preghiera, perché osserviamo i suoi comandamenti, e facciamo quello che  a lui piace. Il comandamento di Dio è questo: che crediamo in Gesù Cristo, suo Figlio, che ci amiamo gli uni gli altri, come ci ha ordinato. Chi mette in pratica i suoi comandamenti rimane unito a Dio e Dio è con lui. La prova che Dio rimane presente in noi è questa: lo Spirito che Dio ci ha dato.


VANGELO
Dal Vangelo secondo Giovanni 15,1-8

Gesù disse: “Io sono la vera vite. Il Padre mio è il contadino. Ogni ramo che è in me e non dà frutto, egli lo taglia e lo getta via, e i rami che danno frutto li libera da tutto ciò che impedisce frutti più abbondanti.
Voi siete già liberati grazie alla parola che vi ho annunziato. Rimanete uniti a me e io rimarrò unito a voi. Come il tralcio non può dar frutto da solo, se non rimane unito alla vite, neppure voi potete dar frutto, se non rimanete uniti a me. Io sono la vite, voi siete i tralci. Se uno rimane unito a me e io a lui, egli produce molto frutto; senza di me non potete far nulla. Se uno non rimane unito a me, è gettato via come i tralci che diventano secchi e che la gente raccoglie per bruciare. Se rimanete uniti a me, e le mie parole sono radicate in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato. La gloria del Padre mio risplende quando portate molto frutto e diventate miei discepoli.

 

PREGHIERA DEI FEDELI

C: La parola di Dio ci è di sicuro conforto nella prova perché, se osserviamo i comandamenti, e facciamo ciò che è a Lui gradito, qualunque cosa chiederemo ci verrà data.

L: Preghiamo insieme e diciamo:
A: Padre, ascoltaci.

· Per la Chiesa: perché tutti coloro che vi fanno parte siano come tralci uniti alla vite, e Cristo possa essere glorificato in essi, preghiamo:

· Per l´umanità intera: perché l´annunzio che Cristo è morto e risorto per tutti, possa essere accolto da ogni uomo, preghiamo:

· Perché ogni cristiano ricerchi nella vita famigliare e sociale il dialogo e la collaborazione, preghiamo:

· Per la nostra comunità: perché produca molti frutti buoni e le sue opere siano in tutta la zona segno della fede e dell´amore nel Cristo risorto, preghiamo:

C: O Signore, che ci hai creati e redenti, fà che la nostra fede porti frutti abbondanti di giustizia e di pace, perché il mondo veda le nostre opere buone e glorifichi il tuo nome. Per Cristo nostro Signore.
A: Amen.

Calendario Eventi

loader-image
Singen (Hohentwiel), DE
20:20, 17 Aprile 2024
temperature icon 5°C
pioggia moderata
Humidity 64 %
Wind Gust: 24 Km/h
loader-image
Villingen, DE
20:20, 17 Aprile 2024
temperature icon 3°C
cielo coperto
Humidity 96 %
Wind Gust: 17 Km/h